Una serie di piccoli e grandi suggerimenti raccolti da bolina e da altre fonti sul web. Un’occasione per fare proprie tecniche e soluzioni efficaci e creative per incrementare sicurezza ed esperienza ‘marinaresca’.

L’ACCHIAPPA DRIZZE. Per evitare salire in testa d’albero se la drizza non è proprio… in cima! Da issare con una drizza libera e con un secondo cavo che arriva sul ponte, consentendo di manovrare l’attrezzo dalla coperta per agganciare la drizza issata per sbaglio…


IL ‘PILOTA AUTOMATICO’. Nelle lunghe navigazioni su imbarcazioni con timone a barra – specie con mare formato e in caso di brutto tempo – possiamo predisporre un ingegnoso sistema di cavi che comprende anche una porzione elastica. Collegato al timone a barra, il sistema funge da pilota automatico ed è adattabile sia alle andature di bolina che – opportunamente impostato – alle andature portanti.


RITENUTA DEL BOMA. Un accorgimento molto utile nelle lunghe navigazioni alle andature portanti, soprattutto con mare formato. I due schemi ci propongono soluzioni facilmente gestibili dal pozzetto. Utilizzando cavi di sufficiente lunghezza (immagine B) potremo avere una maggiore ‘elasticità’ del sistema, in grado di assorbire con più efficienza le variazioni della direzione del vento rispetto alla prua (e quindi rispetto all’orientamento del boma e della randa) dovute al moto ondoso proveniente da poppa.


UN PICCOLO RIPASSO SUI NODI PIU’ USATI… Nel mare magnum dei nodi marinari, non guasta mai rinfrescare la memoria per aver sempre pronta la soluzione a bordo!


PICCOLI SEGRETI PER MANTENERE TUTTO IN ORDINE NEI GAVONI! Lo strumento giusto al momento giusto: una possibilià dalla quale dipende l’efficienza e anche la sicurezza a bordo. Alcuni piccoli trucchi per avere tutto a portata di mano!

Francesco Rancan