Aspiranti regatanti dopo aver visto tempi, segnali e penalità della partenza di una regata vediamo le fasi di partenza e soprattutto di pre-partenza a bordo della nostra barca. Come partire? Dove partire?

La partenza di regata è una delle fasi più importanti, in questa fase si decide spesso il nostro risultato. Difficile recuperare una partenza disastrosa se il campo è in condizioni stabili di vento (intensità e direzione), mentre un’ottima partenza ci permette di marcare i nostri avversari dandoci un vantaggio.

Come partire?

Semplice a parole: a velocità massima e liberi sopravvento! Meno facile da fare soprattutto in mezzo ad una flotta, ecco quindi che indecisioni nelle fasi di pre-partenza ci fanno trovare al segnale di partenza con le vele in bando e coperti sopravvento. Per raggiungere l’obbiettivo “veloci e liberi” non ci sono particolari consigli se non l’allenamento, fare tesoro delle proprie esperienze e osservare come si muovono per governare la barca i timonieri più esperti con cui ci confrontiamo. Ci sono due modi di avvicinarsi alla linea di partenza, entrambi presentano problematiche:

1. Correre lungo la linea di partenza al traverso (ricordiamoci che la linea di partenza è ortogonale al vento) e al segnale di partenza orzare e cazzare le vele in assetto da bolina. Problematiche:

▪ riuscire a mantenerci giusto il giusto spazio a prua e a poppa per non essere disturbati da altre barche,
mantenendo la velocità più alta possibile (ecco perché è utile osservare come si muovono i timonieri più esperti)
▪ trovare il prima possibile il giusto assetto delle vele appena si orza per partire.

2. Mantenersi a distanza dalla linea e, calcolando le giuste tempistiche, avvicinarsi alla linea già in assetto da bolina e a
velocità massima con l’obbiettivo di trovarsi sulla linea al momento del segnale di partenza. Problematiche:

▪ calcolare bene la distanza dalla linea per avvicinarsi a velocità massima, sarebbe disastroso arrivare in anticipo
sulla linea e dover quindi rallentare e far ripartire la barca al momento della partenza.
▪ riuscire ad avere acque libere per fare quello che vogliamo fare.

Dove partire?

Scegliere dove posizionarsi per la partenza può avere più peso rispetto al come partiamo. Sul campo di regata di perfetto, vedi immagine, il vento soffia in tutto il campo dalla stessa direzione, le boe di partenza/poppa e di bolina sono allineate al vento e la linea di partenza fra boa di partenza/poppa e barca giuria è ortogonale al vento. In queste condizioni idilliache il dove partire non importa, conta il come partire, cioè come detto prima: a velocità massima e liberi sopravvento. Ma il campo di regata spesso e volentieri non è perfetto ed è qui entrano in gioco i tattici e strateghi.

Campo di regata con vento perpendicolare alla linea di partenza

Cosa fare quindi prima della partenza? (Ricordiamoci di segnarsi su un blocco le varie direzioni e allineamenti rilevati)

1. Prendere la direzione del vento e prendere l’allineamento dalla boa di poppa alla boa di bolina.

▪ Se il vento è più a destra rispetto alla boa di bolina, il bordo mure a dritta sarà vantaggioso. Preferibile partire in barca giuria.
▪ Se sarà più a sinistra sarà vantaggioso il bordo mure a sinistra. Preferibile partire in boa.
▪ Difficile partire mure a sinistra ma potrebbe essere utile virare appena partiti.

2. Prendere l’allineamento di partenza e verificare se è ortogonale all’allineamento delle boe partenza/poppa e boa di bolina.

▪ Se non è ortogonale, partire in boa o in barca potrebbe voler dire fare meno strada. Quindi andrà scelto il lato di
partenza che ci farà fare meno strada.

3. Verificare l’intensità del vento lungo tutta la linea di partenza.

▪ Su linee di partenza particolarmente lunghe (come al Campionato Invernale del Garda a cui stanno partecipando le nostre barche sociali), il vento soffia con intensità diversa. Occorre verifica dove soffia di più senza dimenticarsi delle cose dette sopra.

Vediamo un esempio:

Campo di regata con direzione del vento non perpendicolare alla linea di partenza.

La partenza ideale per la direzione del vento rispetto all’allineamento delle boe di percorso è in barca giuria. La partenza ideale per la posizione della linea di partenza rispetto allineamento delle boe di percorso indica un vantaggio per la partenza in boa.

Dove è meglio partire?

Per chi è alle prime armi, per ora, è importante capire le diverse condizioni e fare una scelta, con l’esperienza e anche un po’ di fortuna la scelta nel tempo sarà sempre più spesso quella corretta.

Ricordiamoci infine che anche le altre barche prenderanno probabilmente le nostre stesse decisioni, quindi il lato da noi scelto potrebbe essere affollato.

Nei prossimi numeri: regole di precedenza nel lato di bolina e valutazioni per scegliere il lato migliore.

BV
Feder